Mostra
Basilica di San Saturnino
17:30
10/10

LUPO DI TERRA

da 2 a 5 anni con un adulto – max 15 coppie

Percorso interattivo multisensoriale

Lupo di terra è un percorso narrativo sensoriale che coinvolge tutti i sensi e in particolare quello musicale/sonoro. Un invito ad ascoltare, conoscere, esplorare.

L’intento è quello di far sperimentare ai bambini nuove esperienze sensoriali, con particolare attenzione al mondo sonoro e tattile a partire dalle suggestioni offerte dal tema della TERRA. I visitatori saranno guidati lungo un percorso che, traendo spunto dalle situazioni raccontate nel libro “Lupo di terra”, li accompagnerà nelle varie stanze che compongono l’installazione. In ognuna sarà possibile poter sperimentare in modo nuovo e originale le relazione fra noi, i nostri sensi e l’ambiente che ci circonda, sia esso naturale o creato dall’uomo. I bambini entreranno in un universo fatto di suoni e oggetti, di voce e racconto, di ambienti tattili e olfattivi, di buio e di luce.

Il percorso rivolto prevalentemente ai piccoli è un invito ad ascoltare, conoscere, esplorare.
L’idea è quella che il visitatore approdi sulla Terra come un marziano o come un bambino appena nato che scopre e sperimenta piano piano il mondo nuovo che lo ha appena accolto. Il percorso prende inizio attraversando la Bocca di Lupo: una magica porta attraverso cui accedere alla Piazzetta dei Sogni, un ambiente a metà fra la piazzetta dei giochi e un luogo onirico in cui si potrà far risuonare la propria voce nel pozzo dei desideri e si incontreranno creature fantastiche. 
Le piante animate (i volontari), divideranno i visitatori in piccoli gruppi e li accompagneranno nelle varie stanze che compongono il percorso.

L’eruzione del vulcano accoglie i visitatori con il suo boato un po’ sinistro: è l’inizio di tutto, la nascita della terra! Il viaggio continua dalla stanza dei Campanelli con i suoi mille suoni fatati e lievi, alla stanza del Tatto in cui sono le mani a scoprire e sperimentare le sensazioni provocate da tanti materiali diversi. Nella stanza del Gong le lastre sonore riempiranno l’aria di sonorità profonde e misteriose che accompagneranno i visitatori fino alla stanza dell’Olfatto in cui profumi di piante ed erbe aromatiche racconteranno la loro storia.

La stanza della Danza ci accoglie con le sue pareti illustrate che si trasformano in veri e propri quadri sonori da toccare. In ogni stanza il bambino può sperimentare tutti i suoi sensi nella relazione fra il proprio corpo e gli elementi che compongono il percorso (toccare un disegno per farlo suonare, annusare una pianta, far vibrare i campanelli, ecc.). Il percorso è pensato per suscitare sensazioni semplici ma allo stesso tempo complesse (un suono che si amplifica, sentire un odore e tanti odori insieme, provare sensazioni tattili diverse e opposte, ecc.). Filo conduttore e guida ideale del percorso è Lupo, assoluto protagonista iconografico dell’installazione con la sua inconfondibile sagoma nera.

Installazioni audio e video ALESSANDRO OLLA e la scuola di musica elettronica del Conservatorio G.P. da Palestrina (FEDERICO LEONARDI, MATTEO MUNTONI, ALBERTO OBINO, BARBARA PITZANTI, MICHELE PITZANTI)

Illustrazioni EVA RASANO

Scenografie  SERENA TREVISI MARCEDDU

Visite guidate a cura di ARIANNA RASANO e degli studenti dell’alternanza scuola-lavoro

Produzione FESTIVAL TUTTESTORIE

In collaborazione con POLO MUSEALE DELLA SARDEGNA e EDIZIONI BACCHILEGA

ispirato al libro  “Lupo di terra” (Eva Rasano, Bacchilega Edizioni)