ALBERTINE & GERMANO ZULLO

Albertine, illustratrice, nata a Dardagny nel 1967, vive e lavora a Ginevra. Nel 2020 ha vinto il Premio Hans Christian Andersen 2020 per la totalità della sua opera, per i suoi libri illustrati che combinano spontaneità, attenzione ai dettagli e grande senso dell’umorismo. Insieme a Germano Zullo, scrittore, forma una fortunata coppia creativa, unita anche nella vita. I loro numerosissimi libri sono conosciuti e apprezzati in tutta Europa e in particolare in Francia e Svizzera. Le loro storie per parole e immagini si contraddistinguono per lo stile unico, sempre fresco, lieve, imprevedibile, intelligente e pieno di umorismo. Fra i numerosi riconoscimenti ottenuti: Golden Apple alla biennale d’illustrazione di Bratislava, 1999; Prix de la société des auteurs et compositeurs dramatiques al festival internazionale del cinema d’animazione di Annecy, 2003; Prix 4/3 di Canal + al festival internazionale del cinema d’animazione di Annecy, 2003; menzione d’onore IBBY (International Board on Books for Young People) 2008.

Germano Zullo, autore di romanzi e racconti, è nato a Ginevra nel 1968, dove vive e lavora. Insieme ad Albertine, illustratrice, forma una fortunata coppia creativa, unita anche nella vita. I loro numerosissimi libri sono conosciuti e apprezzati in tutta Europa e in particolare in Francia e Svizzera. Le loro storie per parole e immagini si contraddistinguono per lo stile unico, sempre fresco, lieve, imprevedibile, intelligente e pieno di umorismo. Fra i numerosi riconoscimenti ottenuti: Golden Apple alla biennale d’illustrazione di Bratislava, 1999; Prix de la société des auteurs et compositeurs dramatiques al festival internazionale del cinema d’animazione di Annecy, 2003; Prix 4/3 di Canal + al festival internazionale del cinema d’animazione di Annecy, 2003; menzione d’onore IBBY (International Board on Books for Young People) 2008.

Consigli di lettura

PRIMARIA III/IV

Il Re nudo, di Hans Christian Andersen, Topipittori, 2019, € 18,00

 Moltissimi anni fa, così si dice, viveva un imperatore che aveva una passione smodata per i vestiti nuovi e costosi; e sperperava tutto il suo denaro per agghindarsi dalla testa ai piedi. Non gli importava di soldati e teatri e men che meno delle scarrozzate nei boschi, l’unica cosa che gli interessava era mostrarsi con un vestito all’ultima moda. Aveva un abito per ogni ora del giorno e così come di un re si dice “È sempre in consiglio”, di lui si diceva invece: «L’imperatore è nel guardaroba!».
Torna in una splendida edizione illustrata da Albertine la mirabile fiaba dedicata da Hans Christian Andersen alla stupidità e all’ipocrisia del potere e dei suoi rappresentanti – mai come oggi attuale – nella traduzione di Daniela Iride Murgia.

PRIMARIA III

Gli uccelli, Germano  Zullo e Albertine, 2010, Topipittori, € 15,00

Un giorno, un uomo parte con il suo camion rosso. È un signore come tanti, su un camion come tanti, in un posto come tanti, in un giorno che potrebbe sembrare come tanti, se non fosse che in fondo al suo camion trova qualcosa di inaspettato. È una cosa piccola, come lo sono tante altre cose. Una cosa da nulla. Un dettaglio. Lo si potrebbe anche non vedere, volendo. Ma l’uomo lo vede e la sua attenzione si trasforma in qualcosa di eccezionale, capace, all’improvviso, di cambiare la realtà, il mondo. Una storia meravigliosa sulla forza dell’empatia che ci unisce agli altri, sulla profonda intelligenza del bene, sull’importanza della responsabilità personale, sul significato più autentico dell’amore e della felicità.