Isabel Minhós Martins

Dopo gli studi di belle arti a Lisbona, Isabel Minhós Martins, nata a Lisbona nel 1974, si dedica alla scrittura, che è ormai diventata il suo ambito artistico prediletto: testi per albi illustrati, sceneggiature per fumetti e cartoni animati, testi pedagogici. Ma continua a vivere, a casa e al lavoro, circondata da illustratori e grafici, che le hanno insegnato l’importanza delle immagini e del luogo delle parole nei libri illustrati. Per lei, testo e immagini non devono scambiarsi gomitate, ma passeggiare a braccetto tra le pagine, senza litigare. Ha pubblicato svariati albi illustrati con la casa editrice Planeta Tangerina, della quale è una delle fondatrici. Fra i suoi libri usciti in Italia ricordiamo Di qui non si passa, Quando sono nato, P come papà e Quanti siamo in casa (Topipittori), Il mio vicino è un cane e Andirivieni (La Nuova Frontiera), Pecorella dammi lana e Grazie! (Kalandraka), Qui dentro. Guida alla scoperta della mente (Mondadori). Con Donzelli ha pubblicato Atlante dei grandi esploratori (illustrato da Bernardo Carvalho), vincitore del Bologna Ragazzi Award Non Fiction 2019

Consigli di lettura

PRIMARIA CLASSI IV/V

 

Atlante dei grandi esploratori, Donzelli, 24.00

Libro vincitore del Bologna Ragazzi Award Non Fiction 2019

Un giro del mondo sulle orme di 11 esploratori, dal 300 a.C. alle soglie del Novecento; alternando aneddoti curiosi alla voce diretta dei diari di nove uomini e due donne, questo grande Atlante suscita una semplice domanda: come si faceva a viaggiare senza smartphone né mappe, prima dell’invenzione dei navigatori satellitari? La prima scoperta per i piccoli nativi digitali di oggi, muniti di Google Maps, è che sono stati proprio questi viaggi oltre l’ignoto a tracciare le carte geografiche, e non viceversa. A piedi o in nave, a dorso di mulo o in carovana, il lettore ripercorre undici rotte nel tempo e nello spazio che nel corso di due millenni hanno «mappato» l’intero globo terrestre. E non solo in senso geografico – queste rotte hanno infatti aperto le vie dei commerci, hanno fatto incontrare popoli, lingue e culture diverse, hanno suscitato curiosità reciproche e hanno dato vita a racconti e leggende meravigliose. Attraverso le curiose storie personali di questi pionieri, s’intravedono le motivazioni più diverse che li hanno animati e si scopre che i primi esploratori spesso erano geografi o astronomi e che col passare dei secoli si sono aggiunti naturalisti e botanici, e poi ancora artisti che ritraevano paesaggi e specie animali e vegetali sconosciute, ai tempi in cui non esisteva la fotografia. E il libro non manca di soffermarsi anche sui risvolti dannosi di tante esplorazioni: lo scontro con i popoli indigeni, il loro sfruttamento, e finanche lo sterminio con le armi o per via di virus e batteri letali per il loro sistema immunitario. Lungo il filo di esperienze così lontane nel tempo, i piccoli lettori s’imbattono in questioni aperte del nostro presente: l’azione dell’uomo talvolta dannosa per il pianeta, il rispetto per le culture diverse, le disparità tra uomo e donna – non è un caso se il numero delle pioniere nella storia delle esplorazioni è assai inferiore a quello degli uomini… Accanto a leggende come Marco Polo e Charles Darwin, il libro racconta imprese e personaggi tutti da scoprire: dal greco Pytheas, il primo uomo a varcare le Colonne d’Ercole, alla botanica Jeanne Baret, la prima donna nella storia a compiere il giro del mondo travestita da garzone, in una spedizione ordinata da sua maestà Luigi XV di Francia.

PRIMARIA CLASSI II/III

 

Di qui non si passa, Topipittori, 16.00€

In questo libro ci sono un generale, una guardia e tanta gente che vuole andare “di là”. Ma andare di là non si può: è vietato attraversare il confine. Non c’è una ragione precisa. Il generale ha deciso così. È un abuso di potere. Da questo semplice e comunissimo fatto, prende il via una storia lieve e ironica con un finale davvero sorprendente. Gli autori di un grande successo, come P di papà, tornano in scena con un libro pieno di colori, di piccole storie di personaggi da seguire per quaranta pagine di allegria e senso civico.