Autore: Janosch
Illustratore: Janosch
Edizioni: Logos
Età: da 4 anni
Anno 2021
€ 8,00

C’è posta per tigre

Conoscete la vera storia dell’invenzione della posta? E del telefono?
Un giorno Piccolo Orso stava andando come sempre a pescare al fiume, e Piccolo Tigre gli chiese di scrivergli una lettera per farlo sentire meno solo. Così Piccolo Orso prese con sé una boccetta di inchiostro blu e la penna di un canarino e, arrivato al fiume, gettò la lenza e scrisse subito all’amico chiedendogli come stava e raccomandandogli di sbucciare le cipolle e cuocere le patate per cucinare il pesce per la cena. Quando tornò a casa con il pesce e la lettera, scoprì che Piccolo Tigre non aveva seguito nessuna delle sue indicazioni e si era sentito triste tutto il giorno. Bisognava trovare un modo per fargli arrivare le lettere prima di sera! Così l’indomani Piccolo Orso uscì portando con sé inchiostro, penna, carta e busta e stavolta anche un francobollo! Ma chi avrebbe fatto da postino?
Dopo Ti curo io, disse Piccolo Orso e Troviamo un tesoro, continua la serie dei libri della biblioteca della Ciopi scritti e illustrati dall’amatissimo autore per l’infanzia Janosch. Ritroviamo gli inseparabili Piccolo Tigre e Piccolo Orso, i loro amici Lepre Scarpe Veloci, il Signor Volpe e Zia Oca e facciamo la conoscenza di altri animali gentili come Oca Elegante e Topo Lesto. Sono loro i protagonisti di una divertente storia sull’invenzione della posta, della posta aerea e del telefono che ci insegna quanto è importante mantenere i contatti con gli amici anche quando si è lontani. E quanto – perfino oggi che abbiamo la posta elettronica e tanti altri strumenti tecnologici di comunicazione – ricevere una lettera scritta a mano, magari su una bella carta, da qualcuno a cui si vuole bene sia ancora una delle cose che più ci rendono felici.

L’autore e illustratore
Janosch
 nasce nel 1931 a Zaborze, Polonia. Dal 1944 al 1953 lavora come fabbro in un’officina e poi in fabbrica come disegnatore tessile. Successivamente si avvicina alla pittura, e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera, dove tuttavia durante il periodo di prova è costretto a interrompere gli studi. Da allora fa l’artista: dipinge, inventa rime, crea storie e personaggi, ed è autore di oltre 100 libri (albi illustrati, libri per ragazzi e romanzi) e orgoglioso papà di Piccolo Tigre, Piccolo Orso & co. Janosch vive su un’isola solitaria tra il sole e il mare.