• Autore: Xosé Ballesteros
  • Illustratore: Oscar Villàn
  • Editore: Kalandraka
  • Collana: albo illustrato
  • Anno: 2014
  • Età: da 3

Il piccolo coniglio bianco

  • PREMIO NACIONAL DE ILUSTRACION (Spagna) 1999
    I MIGLIORI LIBRI (Banco del Libro de Venezuela) 2000
    PREMIO UN LIBRO PER L‘AMBIENTE (Italia) 2010
    PROGRAMMA NAZIONALE DI LETTURA (SEP Messico)2002
    PROGRAMMA NAZIONALE DI LETTURA (PNL Portugal)
    BIBLIOGRAFIA NAZIONALE NATI PER LEGGERE (Italia)

Andare a raccogliere i cavoli per fare la zuppa, tornare a casa e trovare una capra capraccia che se ne è deliberatamente impossessata. Ohibò, questo sì che è un brutto fatto! Ecco allora che il piccolo coniglio bianco, a cui questa disavventura è effettivamente capitata, si ritrova a vagare per la campagna alla ricerca di qualcuno che possa aiutarlo. E se non può contare sul bue, sul cane e sul gallo, perché troppo fifoni, il protagonista troverà per fortuna un insospettabile alleato nella formichina: non c’è trippa che tenga, i suoi pizzichini fanno scappare persino le capre capracce!

Divertente e capace di capovolgere le attese, Il piccolo coniglio bianco ha dalla sua ha dei personaggi buffissimi, una narrazione che fa un uso spassoso dell’iterazione e un linguaggio teneramente colloquiale che lo rendono efficacissimo per una lettura ad alta voce. Questi aspetti, insieme alla grafica piuttosto ordinata, hanno senz’altro giocato la loro parte nella scelta del volume, tra quelli editi da Kalandraka, per la traduzione in simboli da inserire all’interno della collana I libri di Camilla.

Dalla primavera 2017, infatti, l’albo di  Xosé Ballesteros e Óscar Villán figura tra i titoli che, grazie alla simbolizzazione basata sulla collezione WLS (Widgit Literacy Symbols), risultano fruibili anche da parte di bambini con disturbi della comunicazione o con difficoltà di lettura. Non solo: il curriculum, in termini di accessibilità, de Il piccolo coniglio bianco è arricchito da una precedente traduzione in simboli in terra spagnola che ne garantisce la funzionalità e il potenziale successo.

recensione a cura della redazione di Di. To