ALESSANDRO RICCIONI

È nato a Lizzano in Belvedere (BO). Ha studiato Lingue Straniere all’Università di Bologna. Ha insegnato per anni ed è stato bibliotecario “di montagna”. Da molti anni si occupa anche di promozione della lettura e partecipa a progetti di formazione per insegnanti, colleghi bibliotecari, genitori. Ha pubblicato diversi libri di poesia e, dal 2011, scrive anche per bambini. Alcuni suoi libri sono pubblicati in Brasile, Cina, Corea del Sud e Francia. Si occupa anche di traduzione, soprattutto di albi illustrati e libri di divulgazione per ragazzi. Per LupoGuido Editore ha tradotto “Baruffe e facce buffe” di William Cole e Tomi Ungerer e Madeline di Ludwig Bemelmans. Del 1998 è la sua prima raccolta di poesie Sottopelle (con una nota di Elio Grasso, Book Editore), opera segnalata al Premio “Montale”.  Sempre per la poesia, per Book Editore, ha pubblicato Di quarzo e terra (2002), Chiedimi il rosso (2003), Il mare in salita (2007) e Bisestile (2010). Nel 2004 ha esordito nella narrativa con il romanzo Nero arcobaleno, Mobydick Editore. Il suo ultimo libro di poesie è Perimetri e Distanze, La Vita Felice (2015). Dal 2011, scrive anche per bambini. Il suo primo libro è Cielo bambino, Topipittori (ill. di Alicia Baladan). Il libro Mare matto, Lapis (ill. di Vittoria Facchini) è Premio Rodari 2017 – Sezione filastrocche e fiabe e Premio speciale della giuria per la poesia Fondazione Cassa di Risparmio di Cento). Con LupoGuido ha pubblicato Piccolo sonno, (illustrato da Francesca Ballarini) e La strada (illustrato da Sara Filiputti).

Suggerimenti di lettura
Eventi Festival in programma

Nessun evento trovato.